C.R.I.C.D.

Capitello figurato con decorazione a rilievo

OA_00312340_4_g
Categoria
Opera e Oggetto d'Arte
TSK
OA
NCTN
00312340_4
Localizzazione
CT - Bronte - Chiesa Santa Maria di Maniace

Ricerca su tutte le schede

Beni Storici e Artistici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CD

CODICI

 

 

 

 

TSK

Tipo scheda

OA

 

 

LIR

Livello ricerca

C

 

 

NCT

CODICE UNIVOCO

 

 

 

NCTR

Codice regione

19

 

 

NCTN

Numero catalogo generale

00312340

 

 

NCTS

Suffisso numero catalogo generale

A

 

 

ESC

Ente schedatore

S86

 

 

ECP

Ente competente

S86

 

 

 

 

 

 

 

 

RV

RELAZIONI

 

 

 

 

RVE

STRUTTURA COMPLESSA

 

 

RVEL

Livello

4

 

RVER

Codice bene radice

1900312340A

 

RSE

RELAZIONI DIRETTE

 

 

RSER

Tipo relazione

Luogo di collocazione/localizzazione

 

RSET

Tipo scheda

A

 

RSEC

Codice bene

1900182859

 

 

 

 

 

 

 

AC

ALTRI CODICI

 

 

 

 

ACC

Altro codice bene

00050361/ S86

 

 

 

 

 

 

 

OG

OGGETTO

 

 

 

 

OGT

OGGETTO

 

 

OGTD

Definizione

Capitello figurato con decorazione a rilievo

 

OGTV

Identificazione

Elemento d'insieme

 

OGTP

Posizione

Portale, lato sinistro, IV da sinistra

 

SGT

SOGGETTO

 

 

SGTI

Identificazione

Figure antropomorfe e zoomorfe

 

 

 

 

 

DT

CRONOLOGIA

 

 

DTZ

CRONOLOGIA GENERICA

 

DTZG

Secolo

Secc. XII - XIII

 

DTZS

Frazione di secolo

Fine/ inizio

 

DTS

CRONOLOGIA SPECIFICA

 

 

DTSI

Da

1173

 

DTSV

Validità

Non ante

 

DTSF

A

1200

 

DTSL

Validità

Inizio

 

DTM

Motivazione cronologia

Bibliografia

 

 

 

 

 

 

 

AU

DEFINIZIONE CULTURALE

 

 

 

 

ATB

AMBITO CULTURALE

 

 

ATBD

Denominazione

Produzione monrealese

 

ATBR

Riferimento all'intervento

Esecuzione

 

ATBM

Motivazione dell'attribuzione

Bibliografia

 

 

 

 

 

 

 

MT

DATI TECNICI

 

 

 

 

MTC

Materia e tecnica

Arenaria

 

MIS

MISURE

 

 

MISU

Unità

cm

 

MISA

Altezza

40

 

MIST

Validità

ca.

 

 

 

 

 

CO

CONSERVAZIONE

 

 

 

STC

STATO DI CONSERVAZIONE

 

STCC

Stato di conservazione

Cattivo

 

 

 

 

 

DA

DATI ANALITICI

 

 

 

DES

DESCRIZIONE

DESO

indicazioni sull'oggetto

Capitello a due facce visibili, con abaco a profilo curvo modanato e forato a trapano, decorato nella parte inferiore da doppio giro di foglie d'acanto nervate, al di sopra del quale sono scolpiti rilievi figurati.

DESI

Codifica Iconclass

48 C 24 : 34

DESS

Indicazioni sul soggetto

Sul lato esterno è figura femminile (?) assisa con il fianco destro leggermente ruotato e il braccio destro parzialmente mutilo, forse in origine proteso a toccare la testa della figura precedente; la mano sinistra poggia sul ginocchio della figura seguente, posta all'angolo del capitello, che gli tocca a sua volta il ginocchio con la mano destra. Tale figura è seduta a gambe divaricate, con la veste ricadente in due grosse pieghe tra le gambe; il braccio sinistro abbraccia la coda della figura che segue sul lato interno del capitello, un animale antropocefalo con corpo alato di profilo provvisto di zampe anteriori, terminante con la coda fuoriscita dalla bocca della figura umana retrostante.

NSC

Notizie storico-critiche

Il capitello presenta, a partire dalla faccia esterna, tre figure umane e un animale antropocefalo. La prima figura è di sesso femminile, la successive di sesso non identificabile e l'ultima verosimilmente maschile. Ciascuna appare correlata alla figura vicina attraverso un contatto fisico che si verifica con diverse modalità. Come rilevato da Camarda, i volti presentano occhi globulari sporgenti con pupille forate a trapano e naso molto largo alla base. Il rilievo iconograficamente più complesso è visibile sulla faccia interna, dove è scolpito un animale fantastico e antropocefalo, dai lineamenti quasi femminili, con corpo che richiama il dragone. Nell'iconografia romanica, il dragone assomma le caratteristiche degli animali simbolicamente negativi, ossia il pesce, il capro il serpente e il gallo. La particolare posizione dell'animale induce a considerarlo "partorito" dalla bocca della figura maschile retrostante; allo stesso tempo esso viene "abbracciato" dalla figura precedente. Nell'animale, Aragona e Saporetti hanno riconosciuto l'arpia, dotata di testa femminile, ali e coda di serpente e; secondo l'interpretazione che essi propongono, all'interno del complesso simbolismo del portale le figure ibride e mostruose rappresentano il male, mentre le figure umane sono la personificazione dei vizi capitali. Le teste della figura angolare e dell'arpia sono poste in corrispondenza delle terminazioni dell'abaco a profilo curvo; nella figura d'angolo, il volto appare deteriorato e forse in parte reintegrato.

 

 

 

 

 

DO

FONTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

 

 

FTA

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

FTAX

Genere

Documentazione allegata

FTAP

Tipo

Fotografia digitale

FTAA

Autore

Giacalone, Marco

FTAD

Data

2011/11/07

FTAE

Ente proprietario

CRICD

FTAC

Collocazione

CRICD/U.O.Museo storico della fotografia siciliana

FTAN

Codice identificativo

CRICD00312340g

FTAT

Note

Ripresa laterale

FTA

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

FTAX

Genere

Documentazione esistente

FTAP

Tipo

Fotografia digitale

FTAE

Ente proprietario

CRICD

FTAC

Collocazione

PaCuS 0002

FTAT

Note

Ripresa frontale

 

 

 

 

 

CM

COMPILAZIONE

 

 

 

CMP

COMPILAZIONE

 

CMPD

Data

2006

CMPN

Nome

Patti, M.

 

 

Alga, G.

 

 

Arciprete, A.

 

 

Leotta, S.

 

 

Lo Giudice, L.

 

 

Pavone, V.

FUR

Funzionario responsabile

Migneco, Francesca Maria

AGG

AGGIORNAMENTO - REVISIONE

AGGD

Data

2011

AGGN

Nome

Bosco, Antonina

AGGE

Ente

CRICD

AGGF

Funzionario responsabile

Cappugi, Laura